martedì 5 settembre 2017

Norvegia, un viaggio un sogno, parte 3..Le Balene

Ed eccoci arrivati al momento clou del nostro viaggio.
Quello che abbiamo programmato e sognato dall'inizio, l'incontro con i Capodogli.
Dopo continui rinvii a causa del tempo, partiamo per la nostra prima gita in barca da Sto con Artic Whale Tour. Il viaggio richiede circa due ore di macchina e la navigazione circa 7 ore. L'imbarcazione è un piccolo peschereccio, lento ma comodo. Su consiglio delle esperte guide ci impasticchiamo per bene per evitare spiacevoli sorprese.



 
 
  
Come potete vedere dalle immagini, la nostra gita ha dato i suoi frutti. Nel Bleik Canyon (area al largo di Andenes molto profonda dove soggiornano la maggior parte dei capodogli)abbiamo incontrato parecchi cetacei. I capodogli, a differenza di altre balene, sono visibili in superficie solo per pochi minuti, circa 6, dopo di che si immergono per cibarsi e restano in immersione fino a 40 minuti. Nel momento dell'immersione si vede la bellissima pinna che tanto ci ha fatto sospirare e piangere di gioia. E' un momento magico, dura pochissimo ma è in grado di dare fortissime emozioni.
Durante il ritorno dall'area delle balene, ci siamo soffermati sulla costa dove abbiam visto foche, cormorani, pulcinelle di mare (purtroppo da lontano) e delle meraviglise Aquile dalla coda bianca.
Torniamo a casa distrutte ma felici e ci prepariamo per la gita del giorno dopo.
Questa volta si parte da Andenes, poco piu su di ieri, quindi circa 2h 30 di strada. Partiamo con Sea Safari Andenes  che per nostra comodità ha anche una guida in italiano.
Questa volta però si esce con il gommone e la cosa si fa piu interessante. Veniamo bardate stile palombari e si parte per l'avventura.


Niente pastiglia qui, e quindi siamo più sveglie. Durante il viaggio ci raccontano della triste vita del maschio di Capodoglio. Obbligato per via delle dimensioni doppie a quelle di una femmina a lasciare la famiglia intorno ai 18 anni. Dai mari caldi delle Azzorre, emigra quindi nei mari freddi dove però la quantità di cibo è abbondante. Qui passa almeno una decina di anni a mangiare e basta. Non tesse relazioni sociali poichè tra maschi non scorre buon sangue e lottano a suon di sonar per il territorio. Quindi, a differnza delle femmine che nuotano in branco, i maschi sono solitari e a debita distanza uno dall'altro. Una volta raggiunte delle dimensioni considerevoli, dai 14 metri in su, sono pronti per metter su famiglia. Quindi tornano alle Azzorre, mostrano i loro muscoli alla donzella di turno, e figliano, per poi scappare abbandonando consorte e prole e tornare nei loro mari freddi....
I maschi sono tutti schedati, alcuni qui da vent'anni come Glenn, il maschio del video, uno dei più grossi ed anziani della zona. Li riconoscono dalle tacche presenti sulle pinne.











Purtroppo causa peggioramento del tempo improvviso, abbiamo dovuto abbandonare il campo prima del previsto. Siamo arrivati in porto con visibilità zero, santo il capitano che ci ha riportate indietro senza batter ciglio. All'arrivo in sede, zuppa calda come da tradizione. Ottima l'organizzazione, simpaticissime le biologhe che ci han fatto da guida, meravigliosi gli animali. Peccato non aver avuto fortuna nell'incontrare qualche orca. Sapevamo che non era periodo giusto, ma qualcuna era ancora nella baia e ci abbiam sperato.
Il ritorno è più calmo di ieri, abbiamo tempo per visitare anche questo angolo delle isole.

Chiesetta di Dverberg e la vicina spiaggia

Il Tengelfjord visto dal ponte Gunnarbaten


 


 Sul ritorno incontriamo tanti panorami meravigliosi, uno piu bello dell'altro.



Stanche ed affamate decidiamo di dirigerci verso il nostro ristorantino preferito. Zuppa di pesce e Bacalau e torniamo come nuove.
Il ritorno verso casa ci regala un tramonto mozzafiato sulla strada per Rorvikstranda. Uno di quei tramonti che non puoi fermarti a guardare..continua....


 




5 commenti:

  1. Cara Paola, che bella carrellata di foto!!! sicuramente ti stai divertendo in quei posti!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. olá Paola:
    fiquei muito encantada com sua maravilhosa viagem !!
    que lugares incríveis e imagino a alegria de estar lá vendo cada detalhe destas imagens maravilhosas.
    as baleias, um grande espetáculo !!
    parabéns e muito obrigada, fiquei feliz em passar por aqui !!
    :o)
    http://elianeapkroker.blogspot.com.br/

    RispondiElimina
  3. Accipicchia che viaggio ti sei fatta!!! :))
    Bellissime anche le foto....
    That's Amore Blog ☀️☀️☀️

    RispondiElimina
  4. Complimenti ragazze....siete state fantastiche, un meraviglioso viaggio, decisamente impegnativo, ma che vi ha regalato delle emozioni fortissime ed indimenticabili!!!
    Ho letto il percorso dal post 3 all'1 ma ugualmente ho partecipato al vostro splendido viaggio, grazie della bella e ricca condivisione!!!
    Baci

    RispondiElimina